Dl Irpef, la scure del governo sulla Rai Il canone finirà sulla bolletta elettrica

CANONE_RAI_OK

La scure di Renzi si abbatte anche sulla Rai. La tv pubblica dovrà “concorrere al risanamento con 150 milioni di euro”.

Lo ha spiegato il premier in conferenza stampa a Palazzo Chigi illustrando i contenuti del decreto sul taglio dell’Irpef. Intanto si valuta l’ipotesi di collegare la riscossione del canone alla bolletta elettrica.

Il premier lascia all’azienda la facoltà di scegliere come contribuire: “E’ autorizzata a vendere Rai Way e riorganizzare le sedi regionali, ma deciderà lei che cosa fare”. Parole che gelano il clima nei corridoi di Viale Mazzini e sollevano critiche da Usigrai e Fnsi, anche se in serata il sottosegretario Graziano Delrio apre alla possibilità di collegare la riscossione del canone alla bolletta elettrica: “Ne abbiamo discusso”, ha detto a Otto e mezzo su La7. L’ipotesi messa a punto dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli sarebbe – a quanto si apprende – quella di un prelievo diretto, da parte del ministero dell’Economia, di una quota di 150 milioni degli introiti da canone (nei rumors si era parlato di 170 milioni, pari al 10% del totale). All’azienda, poi, la libertà di scegliere le modalità per recuperarli, anche se la strada ‘principè che sembrerebbe suggerita da Renzi è la valorizzazione di Rai Way, la società che gestisce gli impianti di trasmissione. Un dossier non nuovo – se ne parlò nel 2001, in epoca Cappon-Zaccaria, quando gli americani della Crowne Castle arrivarono a valutarne il patrimonio 1.750 miliardi di lire (circa 900 milioni di euro) e che secondo Mediobanca potrebbe fruttare oggi 600 milioni – ma certo un’ipotesi non di scuola, in un momento in cui è alta l’attenzione sulle reti (Mediaset ha appena venduto il 25% del capitale di Elettronica Industriale). “Sono stupito: non commento le agenzie, voglio prima vedere il testo del decreto”, taglia corto il consigliere di amministrazione Antonio Verro. Ma l’irritazione in azienda è palpabile, e non solo perché il ‘prelievo’ da 150 milioni non è accompagnato, almeno al momento, da alcun impegno da parte del governo sull’eterno fronte del recupero dell’evasione del canone, che si aggira sui 500 milioni l’anno, come ricorda l’Usigrai. “Abbiamo avuto qualche difficoltà, nei tempi e nella tecnica, perché il decreto è molto corposo. C’è una serie di misure per cui facevamo fatica a mettere tutto insieme. Abbiamo poco tempo, il presidente del Consiglio corre molto”, ha spiegato Delrio a Otto e mezzo su La7, rispondendo a una domanda sul mancato inserimento del collegamento canone-bolletta nel provvedimento. “Potreste sempre farlo”, lo incalza Lilli Gruber. “Sì sì assolutamente, ne abbiamo discusso”, dice Del Rio. Ma la fibrillazione in Rai è legata anche alla probabile estensione all’azienda del tetto di 240 mila euro che Renzi ha definito “insormontabile” per tutti i dirigenti pubblici. Un limite destinato ad incidere – si apprende – sui compensi di una quarantina tra dirigenti e giornalisti della tv pubblica. Se Usigrai e Fnsi bocciano anche l’ipotesi di ‘svendità di Rai Way e di riorganizzazione delle sedi regionali e il presidente Adrai Lorusso Caputi è convinto piuttosto che l’azienda debba proseguire “il processo di ottimizzazione interno”, dal Pd il renziano Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza, plaude alla ‘rivoluzionè di Renzi: “Il provvedimento che impone a Viale Mazzini di contribuire al risanamento metterà l’azienda, che conta decine di direzioni, di fronte all’esigenza di una vera riorganizzazione ed alla necessità di ridurre in maniera seria sprechi e spese inutili”. Chi lo conosce bene, assicura che Renzi ha tutta l’intenzione di andare avanti: si spiegherebbe così la decisione di tenere per sé la delega sulla Rai, lasciandosi le mani libere per andare fino in fondo.

L’UNIONE SARDA