Di Maio: mai messo in dubbio Ue, ma deve cambiare subito

luigi-di-maio

“Non abbiamo mai messo in discussione la permanenza dell’Italia nell’Unione europea. Abbiamo sempre portato avanti un progetto di referendum sull’euro”. Lo dice Luigi Di Maio, membro del direttorio M5s, ospite di ‘InMez’ora’, spiegando che un referendum per l’uscita dalla Ue “non è mai stato nei nostri programmi, e l’esistenza di un gruppo al Parlamento Europeo e la nostra pressione per cambiare i fondamentali della Ue significa che noi crediamo ancora in un progetto politico”.

Il punto, sottolinea Di Maio, è che “se Francia e Spagna uscissero, l’Unione sarebbe finita. Per fortuna noi siamo a un momento prima. Domani a Renzi presenteremo una risoluzione che prevede 3-4 impegni su immigrazione, credito a imprese, sostegno a reddito dei cittadini. Se la Ue vorrà fare questo, e se Renzi sarà in grado di incidere, la stiamo mettendo nella giusta direzione”. Ma “coloro che possono davver cambiare l’Unione Europea, e sono i Capi di Stato e di governo, hanno fallito le loro politiche. Se vogliono cambiare lo devono fare immediatamente, altrimenti non dipenderà dai referendum. Nel prossimo anno si terranno le elezioni tedesche, francesi, britanniche, e speriamo il prima possibile anche quelle italiane. I popoli europei puniranno i Capi di Stato per quello che hanno fatto o non hanno fatto”.

ASKANEWS