Delrio, “Niente tasse, i sacrifici li fara’ lo Stato”

delrio

“Nessuna manovra ne’ nuove tasse”.¬†Graziano Delrio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in un colloquio con la Stampa, conferma la linea del governo: “il 3% verra’ rispettato, casomai il problema ce lo avranno altri paesi, Spagna, Francia, Inghilterra. Noi non abbiamo alcuna intenzione di tornare sotto procedura di infrazione. E se ce ne sara’ bisogno chiederemo sacrifici non ai cittadini ma allo Stato: che deve risparmiare risorse e la spending puo’ essere ulteriormente implementata, con una revisione piu’ acuta”. L’Italia andra’ in Europa “avendo avviato tutte le nostre riforme. Spero che anche gli altri si presentino all’appuntamento europeo con le carte in regola”. Quanto alla Germania, il suo dato negativo “non consola, ma dimostra che vanno messe in atto politiche di crescita europee in una congiuntura che si e’ rivelata per tutti piu’ difficile del previsto”. A proposito del bonus in busta paga, Delrio ammette: “pensavo francamente che avessero piu’ effetto”. “Sono stati utilissimi, ma da soli non bastano a ricostruire un clima di fiducia collettivo. Gli italiani sono ancora prudenti ed e’ comprensibile. Li manterremo l’anno prossimo, per allargare la platea il problema e’ il contesto”. E poi Delrio conferma: “scommettiamo sulla rinnovata fiducia degli investitori internazionali”. Quanto ai rumors su dissapori con Renzi, smentisce nuovamente: “Totali invenzioni. Tra noi se c’e’ una cosa che non e’ mai mancata e’ la fiducia e la totale trasparenza: lavoriamo insieme ai dossier in un clima di amicizia e di lavoro in squadra”. Infine una promessa: nessun voto anticipato, “dobbiamo ragionare di un arco di legislatura per arrivare al 2018 consegnando un Paese diverso. Nessuno di noi e’ qui per vivacchiare”.

AGI