De Rossi fa 500: «È il momento giusto per vincere». Totti: «Sei grande»

La Roma in ritiro a  Bad Waltersdorf  (Austria)

Cinquecento volte De Rossiin giallorosso. Contro l’Empoli il centrocampista della Roma raggiunge un traguardo importante, è tempo di bilanci: «Nonostante l’età avanzata e l’esperienza, riesco sempre ad emozionarmi e i tifosi che mi hanno dedicato lo striscione al Colosseo ci sono riusciti. Sono fortunato ad avere vissuto queste 500 partite con loro vicino», dice a Mediaset Premium.

OBIETTIVO SCUDETTO – Lo scudetto è il grande traguardo che manca a De Rossi, che spera non resti un rimpianto. «Pallotta ha detto che la Roma è attrezzata per vincere? Lo pensiamo anche noi e anche gli avversari – continua il romanista a Mediaset – ma riuscire a vincerlo è una cosa diversa. Noi siamo molto motivati per fare una grande stagione, siamo arrivati due volte secondi e possiamo fare qualcosa di più per vincere.

Oltre a essere il mio sogno è quello della città, è arrivato il momento di toglierci questa soddisfazione grandissima. Se è l’anno giusto? Lo dirà solo il campo».

CAPELLO, SPALLETTI… E GARCIA – De Rossi risponde così alla domanda sul miglior allenatore della sua carriera: «Non lo so, non posso fare un paragone tra Capello e Spalletti, che sono stati troppo importanti per me. Uno mi ha lanciato, l’altro mi ha guidato nel momento della maturità. Magari tra qualche mese vinceremo uno scudetto e dirà Garcia», dice a SkySport.

FUTURO – Quante partite ci saranno ancora in giallorosso? «Non lo so, quest’anno e il prossimo sicuramente sì».

Segui le notizie del corrieredellosport.it sul nuovo canale Telegram

TOTTI: «SEI GRANDE» – A De Rossi ha fatto i complimenti Francesco Totti, che sul suo sito ha commentato la prestazione della squadra e il traguardo raggiunto dall’amico-collega: «Abbiamo vinto con un ottimo secondo tempo che ci ha permesso di dimostrare i nostri valori contro l’Empoli, squadra rodata e collaudata. Ora diventa essenziale far bene anche martedì in Champions League.

Le 500 presenza di Daniele andavano festeggiate così: un suo gol e la nostra vittoria! I complimenti nei confronti di uno come lui sono persino scontati visto il suo spessore… Cinquecento partite con la Roma, noi sappiamo bene cosa vogliono dire. Grande lui e bravi tutti».

Corriere dello Sport.it