Corsa Figc, c’è Lotito

LOTITO

Lotito è ad un passo dalla candidatura alla presidenza federale. Ieri, di fatto, c’è stato un sondaggio interno alla serie A (mancava solo la Roma, impegnata nel vertice a Londra) per individuare un presidente o un dirigente di club che potesse diventare l’uomo da portare all’appuntamento elettorale del 29 gennaio. Sono stati fatti anche i nomi di Cairo e Marotta, ma alla fine è emerso nuovamente quello del numero uno della Lazio, che si era già proposto la scorsa settimana. La decisione finale verrà presa domani, in occasione di una nuova Assemblea, ma dovrebbe trovare adeguato appoggio dentro la massima categoria e per poter ambire all’elezione si profila un ticket con Sibilia, che, invece di candidarsi, potrebbe appoggiare Lotito, garantendogli i suoi voti e ottenendo il ruolo di vicepresidente esecutivo. Qualcuno sostiene che, alla fine, le posizioni potrebbero essere invertite, ma chissà che questo incastro poi non aiuti a trovare un’intesa anche per la governance della Lega.

STRATEGIE – Tornando a Sibilia, la serie A l’ha comunque individuato come sponda ideale, qualora, l’ipotesi Lotito venisse meno. E, alla luce del suo tweet, riportato a parte, il numero dei Dilettanti ha già recepito il messaggio. Del resto, avendo già il più ampio sostegno potenziale, sarebbe il candidato più semplice con cui raggiungere un’intesa per vedere soddisfatte le richieste da avanzare alla nuova gestione federale. Ieri, infatti, su input di Marotta si è parlato anche di strategie. A proposito delle linee programmatiche della serie A gli argomenti emersi restano i soliti, a cominciare da un ruolo più centrale nel movimento.

 

Corriere dello Sport.it