Conte punta sui «big» Insigne cerca spazio

FINALE COPPA ITALIA 2014 FIORENTINA NAPOLI

MONTPELLIER Il giorno dopo l’Irlanda solo tanta riflessione su quel che poteva essere e non è stato. Da salvare del match di Lille c’è sicuramente Lorenzo Insigne, entrato col piglio giusto in partita. Poi Ogbonna che davanti ai muscoli degli irlandesi non si è certo tirato indietro, e De Sciglio che ha dimostrato di avere numeri per crescere. Tutto il resto, è noia. Il problema azzurro, sul quale Conte sta lavorando, riguarda una condizione non ottimale perché quando arrivi secondo sul pallone vuol dire che non ne hai e a forza di essere risucchiato dietro dal pressing avversario, finisci col prenderle. Questo ed altro nell’agenda del ct. Intanto ieri la nazionale si è ritrovata nel pomeriggio al centro sportivo «Bernard Gasset». Solo defaticante per chi ha giocato e primi approcci alla partita che verrà. Conte sta lavorando per riprendere il filo interrotto a Lille. A Parigi contro la Spagna torneranno i titolatissimi (da valutare solo Candreva, affaticamento per Bernardeschi) ma occhio anche alle certezze di Lille. Insigne su tutti. Per ora Eder e Pellè non si toccano ma a Saint-Denis potrebbe scattare l’ora dello scugnizzo azzurro, che potrebbe tornare utilissimo per aggirare con la sua velocità la retroguardia iberica e provare a sfondare una difesa non sempre impeccabile. Oggi intanto doppia seduta con l’aggiunta di lezioni video e consueta conferenza stampa a Casa Azzurri. Da riflettere c’è molto. Conta lo sa e dagli errori intende ripartire.

IL TEMPO