Conte miglior allenatore del 2013-14, ma Agnelli: “È permaloso”

agnelli_conte

Gigi Buffon e Ilaria D’Amico insieme, per la prima volta, in pubblico. Il numero uno di Juve e Nazionale, votato miglior portiere 2014 da colleghi, allenatori, arbitri e giornalisti, si è presentato in compagnia della giornalista al Gran Galà del calcio 2014 a Milano. Per la coppia è la prima uscita ufficiale in pubblico.

I PREMI — Oltre a Buffon, premiato anche il compagno Andrea Pirlo, votato miglior giocatore dello scorso campionato. La Top 11 del 2013-14 è composta da ben sette giocatori della Juventus, più l’ex tecnico Conte. Ecco la formazione: Buffon; Darmian, Barzagli, Benatia, Asamoah; Pogba, Pirlo, Vidal; Tevez, Immobile, Higuain. Il difensore Rugani, all’Empoli, ma per metà della Juve, è stato eletto miglior giovane della scorsa Serie B. Miglior arbitro è stato scelto Rizzoli, miglior calciatrice Melania Gabbiadini, sorella del Manolo della Samp.
AGNELLI E CONTE — Andrea Agnelli, presidente della Juve, sul palco ha tirato le orecchie al suo ex allenatore, quell’Antonio Conte oggi sulla panchina dell’Italia, ma protagonista dei tre scudetti consecutivi dei bianconeri. “Un suo difetto? È un po’ permaloso”, ha detto il presidente con Conte in platea. “Un suo pregio? La tenacia”, ha poi proseguito Agnelli. Il c.t. si è invece concentrato sul rapporto tra Nazionale e club, non rispondendo al suo ex datore di lavoro. “Voglio che siano più in contatto. So cosa pensano gli allenatori delle società, sono stato dall’altra parte. Mi manca vedere i giocatori giorno del giorno e lavorarci sopra, ma comunque la panchina azzurra è un’esperienza professionale importante per me nel sintetizzare la mia idea di calcio in pochi giorni”.
BUFFON E GLI ALTRI — Buffon non lascia, anzi raddoppia dopo l’ennesimo riconoscimento. “Ritiro? Fino a quando mi reputo competitivo no. Sono molto autocritico, non avrei problemi a rendermi conto di non essere all’altezza della situazione. Onestamente – ha aggiunto Buffon, 37 anni il 28 gennaio – quel momento non è ancora arrivato. Quando arriverà ne prenderò atto e saluterò tutti”. Felice anche il miglior terzino sinistro, Kwadwo Asamoah: “Ringrazio Conte che mi ha fatto diventare un esterno”. E un grazie dall’ex arriva anche alla Roma, da Mehdi Benatia, ora al Bayern Monaco. “Grazie alla Roma, a Castan e a Balzaretti”, il messaggio del difensore marocchino.
TEVEZ E VIDAL — “La differenza fra Antonio Conte e Massimiliano Allegri? Meglio non dire niente…”, sorride invece Arturo Vidal. Carlos Tevez risponde alle voci che lo vorrebbero prima del previsto di ritorno al Boca. “ Ho due anni di contratto con la Juventus, il mio pensiero è di rimanere qui. Non è vero, mio fratello è un tifoso del Boca, quello è il suo pensiero”. L’Apache ha in mente solo la Juve.
GAZZETTA DELLO SPORT