Conte attende i rinforzi. Vidal, svolta del Manchester United

CONTE_JUVE

Un cantiere sicuramente aperto, inevitabile a questo punto del mercato, ma in casa Juve i dubbi sono pochi e le certezze molte. La campagna acquisti è in piena evoluzione, i bianconeri hanno comunque già tutte le carte in regola per continuare a tiranneggiare sul nostro calcio e ad avvicinare gradualmente i piani alti dell’Europa che conta. Nessuno chiederà a Conte la Champions League 2014-2015, c’è un solo obiettivo che non può essere fallito quest’anno: entrare nell’Europa dei grandi dalla porta principale, non andare quindi oltre il secondo posto in campionato. 

RINFORZI — Un Conte al massimo delle motivazioni e dell’entusiasmo avrebbe ben altro impatto su una stagione in cui si andrà incontro a importanti trasformazioni anche dal punto di vista tattico. L’acquisto di Evra è lì a “sponsorizzare” il ritorno della difesa a quattro. Sia chiaro, il 3-5-2 non verrà abbandonato, anche perché resta il vestito migliore da confezionare addosso ad Andrea Pirlo e ai centrocampisti bianconeri in generale, ovvero al reparto di gran lunga migliore a disposizione di Conte. Ma occorrono più armi per crescere anche oltre confine, bisogna sapersi adattare a ogni situazione ed essere in grado di interpretare al meglio ogni sistema… 

ATTACCO UNITED — Il 29 maggio 2012 l’ufficio stampa del Manchester United annunciò pomposamente i risultati di una ricerca indipendente che lo definiva il club più popolare al mondo, con 659 milioni di tifosi. Stima un tantino esagerata, visto che su questo pianeta siamo in 7 miliardi e viene difficile immaginare che uno su dieci sia un fan dei Red Devils. A ogni modo, se c’è una squadra veramente globale, questa è il Man Utd, cresciuta nella profonda Inghilterra delle industrie all’insegna del mito di Matt Busby, finita nelle mani dei controversi americani della dinastia Glazer, quotata a Wall Street, di casa in Oriente. Tutto questo per rendere un po’ meno scioccante l’entità dell’accordo firmato con Adidas, nuovo sponsor tecnico a partire dal 2015-16: per dieci anni minimo garantito di 750 milioni di sterline, cioè 940 milioni di euro. Fieno in cascina per fare la voce grossa sul mercato, e puntare con più convinzione su Arturo Vidal per il quale nei giorni scorsi si parlava di imminente offerta alla Juve oscillante tra i 45 e i 60 milioni di euro…

GAZZETTA DELLO SPORT