Conte apre a Balotelli: “Le porte non sono chiuse ma deve meritarsi la nazionale”

CONTE_ITA

“Balotelli di nuovo in nazionale? Per lui vale lo stesso discorso degli altri. Le porte della nazionale non sono chiuse per nessuno. Bisogna meritare di stare in questo gruppo tramite la prestazione la domenica, comportamenti e aspetti morali importanti a cui noi teniamo molto. Sta a Balotelli meritarsi eventualmente di rientrare in nazionale”. Lo ha detto il ct azzurro Antonio Conte nel corso della presentazione al Foro Italico di ‘Settembre azzurro’, il programma di impegni delle nazionali italiane nel prossimo mese.

Parlando delle possibili convocazioni per i prossimi due impegni contro Malta e Bulgaria, Conte ha spiegato che nell’elenco “non ci saranno delle novità particolari, anche perché penso che sia giusto riniziare dal gruppo che ci ha accompagnato l’anno scorso”. Il ct ha dedicato una menzione speciale a Sebastian Giovinco, grande protagonista in Major League con la maglia di Toronto. “Giovinco sta andando molto bene e si sta affermando, sta tornando il calciatore che tutti conoscevamo e può essere importante per la Nazionale -ha detto-. Anche Pirlo ci sarà perché penso che sia tuttora un calciatore importante per noi e finché darà dimostrazione sul campo che regge e che può fare la differenza sarà con noi”, ha evidenziato il ct allargando il discorso all’ex fantasista della Juventus, trasferitosi a New York.

Conte non si è invece sbilanciato su Andrea Raggi, difensore del Monaco: “Noi stiamo seguendo tutti, la nazionale è aperta a tutti e bisogna meritarla tramite prestazioni, comportamenti e aspetti morali importanti. Noi siamo molto attenti e vigili”.

Il ct azzurro ha poi sottolineato come “agli Europei la nazionale dovrà cercare di rendere orgogliosi gli italiani”. “Troppi stranieri in Italia? I dati li conosciamo bene, bisogna fare con quelli che abbiamo altrimenti perdiamo solo energie che invece servono all’Italia attuale”, ha aggiunto Conte.

“La Nazionale non è meno importante del campionato, anzi direi che lo è anche di più sotto l’aspetto dell’immagine dell’Italia nel mondo”, ha sottolineato il presidente della Figc, Carlo Tavecchio. “Ora -ha aggiunto- parte il campionato ma soprattutto la Nazionale, con un impegno incredibilmente elevato. L’obiettivo è sempre Parigi e faremo di tutto per arrivare lì preparati, nessuno chiede di più a Conte se non di ben figurare come immagine e serietà”.

ADNKRONOS