Congelato il ritorno di Cassano alla Samp: Zenga non lo vuole

Antonio Cassano

Il ritorno in blucerchiato del figliol prodigo Antonio Cassano può aspettare. Chissà se in maniera definitiva o soltanto temporanea. Fatto sta che Walter Zenga, nuovo tecnico della Sampdoria, continua a ribadire forte e chiaro il suo no incondizionato. E allora, nonostante FantAntonio e il presidente Ferrero siano già d’accordo su tutto (contratto da 700mila euro più bonus e clausola per la rescissione unilaterale in favore del club in caso di «cassanate»), la situazione si complica sempre di più. Il muro contro muro tra la società, desiderosa di piazzare un gran colpo mediato, e l’allenatore, deciso a non volere Cassano, non sembra ancora destinato a terminare. Come finirà?

Il Napoli, invece, ha praticamente sistemato tutto con Astori e in serata proverà l’ennesimo assalto con il Sassuolo per Vrsaljko. Per Zuniga, in uscita dal Napoli, sondaggi in corso dalla parte della Fiorentina. I viola, insieme alla Lazio, attendono novità dal Genk per il mediano serbo Milinkovic-Savic: risposta in arrivo nelle prossime ore. I biancocelesti, dopo aver salutato Ederson (andato in Brasile, al Flamengo), si preparano ad accogliere l’olandese Kishna: l’offerta da 4 milioni più bonus sembra aver fatto breccia nel cuore dell’Ajax. Ora restano da sistemare gli ultimi dettagli sulle tempistiche e sulle modalità di pagamento.

In Francia, invece, sono sicuri: Di Maria è sempre più vicino allo sbarco al Psg. Lunedì, infatti, sarebbe andato in scena l’incontro decisivo tra i dirigenti parigini e i colleghi del Manchester United. Il finale, con 60 milioni che finiranno nelle tasche dei Red Devils, appare dietro l’angolo.

LA STAMPA