Concordia a Genova entro fine luglio

Costa_Concordia

Genova doveva essere per completezza e affidabilità del progetto e Genova alla fine è stata. La Costa Concordia, la nave da crociera naufragata il 13 gennaio del 2012 all’Isola del Giglio, verrà smantellata nel capoluogo ligure a opera dei Cantieri San Giorgio del porto e della Saipem. Dopo mesi di indecisioni e rinvii, il Governo ha messo fine a una vicenda che rischiava di diventare grottesca, approvando il “Progetto di trasferimento e smaltimento” presentato nei giorni scorsi da Costa Crociere. «Nei tempi previsti – ha detto il premier Renzi al termine del Cdm – la nave verrà smaltita in Italia».

Laconico il commento del presidente dell’Autorità portuale di Genova, Luigi Merlo. «Missione compiuta». Poi ha aggiunto: «Abbiamo lavorato in un quadro equilibrato dicendo che non si trattava di una competizione fra porti, ma di una gara fra privati. Abbiamo detto che i porti dovevano essere attrezzati per questa operazione e noi lo siamo. Non poteva essere una valutazione politica ma tecnica». In città un po’ tutti cantano vittoria. Soddisfatto il sindaco Marco Doria, mentre il governatore della Liguria, Claudio Burlando, parla di grande orgoglio e grande responsabilità. «E’ la dimostrazione che quando facciamo, invece di parlare, possiamo vincere qualche battaglia».

Di altro tenore le dichiarazioni della “sconfitta” Piombino. «Speravamo fino all’ultimo si potesse esaminare la nostra proposta che sicuramente era meno pericolosa – ha dichiarato il sindaco Massimo Giuliani – Piombino, anche da un punto di vista tecnico, nell’ottica della creazione di un polo per lo smaltimento navi, era sicuramente più idonea rispetto a Genova». Stesso discorso da parte del presidente della provincia di Grosseto, Leonardo Marras: «Non condividiamo né scelta né motivazioni, ma collaboreremo lealmente sul piano istituzionale».

Parte ora il conto alla rovescia per l’ultimo viaggio della nave. «Il traguardo è vicino – afferma l’amministratore delegato di Costa Crociere, Michael Thamm – siamo a due settimane dal possibile rigalleggiamento». L’intera fase di rigalleggiamento durerà tra i 4 e i 5 giorni, dunque è probabile che attorno al 18-20 luglio la Concordia sia pronta a lasciare per sempre il Giglio.

Direzione Genova. Tempo di navigazione previsto: 4 giorni.

LA STAMPA