CLOUD NOTHINGS a giugno in tour in Italia

CLOUD NOTHINGS

KALIMBA  FAVOURITES  BAND. DA  SCOPRIRE , ECCO LE DATE ITALIANE . ENJOY  THE MUSIC

  CLOUD NOTHINGS a giugno: il 02 a Roma al Circolo degli Artisti, il 04 a Marina di Ravenna all’Hana Bi e il 05 giugno al Carroponte di Milano

La band indie rock di Cleveland arriva in Italia per tre date a giugno 
per presentare il nuovo attesissimo album Here And Nowhere Else

02 Giugno 2014– Roma– Circolo degli Artisti
ingresso: 10 euro
04 Giugno 2014– Marina di Ravenna– Beaches Brew – Hana Bi
Free entry
05 Giugno 2014– Milano– Carroponte
Free entry

We’ve heard the album, btw, and it’s even better than 2012’s brilliant Attack on Memory, FACT*. The Guardian

Reduce dal trionfo dell’album del 2012 Attack On Memory, la band indie rock di Cleveland, guidata dal cantante Dylan Baldi, arriva in Italia per tre date a giugno per presentare il nuovo attesissimo album Here And Nowhere Else, in uscita il 1 aprile per Wichita/Cooperative ed anticipato dai singoli I’m Not A Part Of Me e dal nuovissimo (diffuso ieri) Psychic Trauma già acclamato dal Guardian.

Here and nowhere else, il quarto album della band formata da Baldi (voce e chitarra), Jayson Gerycz (batteria) e TJ Duke’s (basso), è composto da otto tracce, nate durante il lungo tour di Attack on memory (2012). 18 mesi in giro per il mondo in cui Baldi ha approfittato di ogni momento libero per scrivere i nuovi pezzi «Mi sentivo a posto con tutto e perciò ho scritto delle cose che mi rendevano felice», ha rivelato Dylan Baldi. «Non ero arrabbiato, l’approccio è stato più positivo e meno “fanculo a tutto”. Mi sono semplicemente seduto e ho suonato fino a trovare qualcosa che mi piacesse, perché finalmente potevo permettermelo». “Credo che ogni singolo pezzo sia stato scritto in un Paese diverso”.
L’album è stato poi registrato negli studi Water Music a Hoboken, New Jersey, con il noto produttore John Congleton (già al lavoro Swans, Modest Mouse,David Byrne e mille altri gruppi) e poi mixato a Dallas. Il Risultato è un lavoro più omogeneo, rifinito, melodico ma graffiante e tesissimo in ogni dettaglio. Otto tracce di nervoso guitar rock, cosa sempre più rara, che catturano pian piano svelando inediti elementi ad ogni nuovo ascolto.
“E ‘più sottile “, dice Baldi . “Non è solo un disco rock-in-your-face. C’è di più. Puoi ascoltare una canzone 20 volte e sentire ogi volta diverse piccole cose che non hai notato prima. Ogni volta che ascolto l’album noto qualche elemento che non ricordo neanche di aver inserito”.

10 KS  TO  BRIZIOBELLO  CHRIS –  ENJOY  THE ROCK  LEO KALIMBA