Champions League – Juventus-Barcellona: probabili formazioni e statistiche

CHAMPIONS_LEAGUE

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Tévez, Morata. All. Allegri

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Dani Alves, Piqué, Mascherano, Jordi Alba; Rakitić, Busquets, Iniesta; Messi, Suárez, Neymar. All. Luis Enrique

Arbitro: Cakir (TUR)

LE STATISTICHE E I PRECEDENTI

Caccia al triplete – La Juventus, che ha disputato l’ultima finale 12 anni fa, cerca il terzo titolo europeo a spese del Barcellona, che invece insegue il quinto nella sua storia (il quarto nell’ultimo decennio). Le due formazioni, dunque, sono alla ricerca del famoso “triplete”, impresa già compiuta dal Barça nel 2008/09 e da Celtic FC (1967), AFC Ajax (1972), PSV Eindhoven (1988), Manchester United FC (1999), FC Internazionale Milano (2010) e FC Bayern München (2013).

Nessuna squadra ha mai perso 6 finali – La Juventus disputa la sua ottava finale di Coppa dei Campioni, con un bilancio di due vittorie e cinque sconfitte. Solo Benfica e Bayern hanno perso cinque finali di Coppa dei Campioni, ma nessuna squadra ne ha mai perse sei nella storia. I Bianconeri schierano quattro giocatori che hanno già vinto una finale di UEFA Champions League: Andrea Pirlo (AC Milan 2003, 2007), Patrice Evra e Carlos Tévez (Manchester United FC 2008) e Álvaro Morata (Real Madrid CF 2014). Entrato nel secondo tempo nella finale vinta dal Real Madrid un anno fa, Morata potrebbe diventare il quarto giocatore a vincere una finale di UEFA Champions League in due stagioni consecutive con due squadre diverse. Gli altri sono Marcel Desailly (Olympique de Marseille 1993, AC Milan 1994), Paulo Sousa (Juventus 1996, Dortmund 1997) e Samuel Eto’o (Barcelona 2009, Inter 2010).

Messi a caccia dell’ennesimo record – Anche il Barcellona è alla sua ottava finale di Coppa dei Campioni, ma il suo bilancio è di quattro vittorie e tre sconfitte. A segno nelle finali 2009 e 2011 vinte dal Barcellona, Lionel Messi potrebbe diventare il primo giocatore a trovare la rete in tre finali di UEFA Champions League. Nel Barcellona figurano otto reduci dalla finale di UEFA Champions League 2011: Daniel Alves, Gerard Piqué, Xavi Hernández, Andrés Iniesta, Javier Mascherano, Carles Busquets, Pedro Rodríguez e Lionel Messi. Adriano è rimasto in panchina.

Precedenti – La Juventus ha eliminato il Barcellona con un 3-2 complessivo ai quarti di UEFA Champions League 2002/03. Dopo un 1-1 a Torino, Marcelo Zalayeta ha siglato il gol della vittoria bianconera al Camp Nou al 114′ dopo le reti di Pavel Nedvěd e Xavi. Luis Enrique, capitano sia all’andata che al ritorno, ha giocato entrambi gli incontri insieme a Xavi. In porta per i Bianconeri c’era Buffon. La squadra di Allegri è imbattuta da nove gare nel torneo, con cinque partite senza subire gol. Il bilancio complessivo dei bianconeri contro le squadre spagnole è G44 V15 P11 S18. Contro le squadre italiane, i Blaugrana hanno un bilancio di G43 V22 P13 S8. Messi ha segnato sette gol nelle ultime cinque partite contro le squadre di Serie A.

Luis Enrique male contro Allegri e contro la Juve – Da allenatore del Milan (2010–14), Allegri è stato eliminato dal Barcellona in due Champions League consecutive: ai quarti del 2011/12 (1-3 complessivo) e agli ottavi del 2012/13 (2-4 complessivo). Il suo bilancio in otto partite contro il Barcellona è V1 P3 S4. Da giocatore, Luis Enrique è stato eliminato due volte dalla Juventus ai quarti di UEFA Champions League: con il Barcellona nel 2002/03 e il Real Madrid nel 1995/96. Da allenatore dell’AS Roma nel 2011/12, Luis Enrique ha affrontato la Juventus tre volte. In Serie A ha pareggiato 1-1 in casa (gol di Giorgio Chiellini per i bianconeri) e perso 4-0 in trasferta (gol di Arturo Vidal (2), Pirlo e Claudio Marchisio), mentre ai quarti di Coppa Italia ha perso 3-0 a Torino. Nella stessa stagione, Luis Enrique ha perso anche entrambe le sfide contro il Milan di Allegri, 3-2 in casa e 2-1 a San Siro.

Eurosport