Champions: Juventus in finale 1-1 a Madrid, Real eliminato

ALLEGRI_JUVE_ALL

La Juve vola in finale di Champions League dopo 12 anni. I bianconeri di Allegri, grazie all’1-1 del Bernabeu, fanno valere il successo di misura dell’andata e centrano l’obiettivo Berlino, dove affronteranno il Barcellona: eroe di serata ancora una volta l’ex Morata, che ha pareggiato nella ripresa il rigore realizzato da Ronaldo al 23′. Bale e il rientrante Benzema mettono subito in apprensione la difesa bianconera, mentre Buffon rischia sulla punizione di Ronaldo, ma la prima parata la compie il discusso Casillas (13′) sul rasoterra di Vidal. Allegri ha lanciato Pogba dal 1′ e Tevez-Morata in avanti, ma Isco, Benzema (salva Evra su Ronaldo) insistono, mentre Bale costringe Buffon a un grande intervento. Al 23′ la svolta: Eriksson vede l’entrata maldestra di Chiellini su James Rodriguez e dal dischetto Ronaldo non sbaglia. Real avanti e che pochi minuti dopo sfiora il raddoppio con un contropiede sventato da Vidal, una semirovesciata di Ramos e un colpo di testa di Benzema bloccato da Buffon.

La finale di Coppa Italia anticipata al 20 maggio

La Juve abbozza una reazione ma Casillas suda solo per il gran caldo di Madrid, il sinistro di Ronaldo invece fa gridare di nuovo al gol il Bernabeu e serve ancora una gran parata di Buffon per dire no a Benzema. Real superiore, ma di positivo c’e’ che alla Juve basterebbe un solo gol per andare a Berlino. Ci prova Marchisio, al termine di una bella azione rifinita da Tevez, gli replica Marcelo. Al 57′ arriva il pari della Juve: Pogba fa la sponda per Morata, che nel cuore dell’area fa partire il sinistro che fa secco Casillas e riavvicina la Juve alla finale. Il Real rialza i ritmi: Bale mette i brividi a Buffon con una girata di sinistro, fa altrettanto Marchisio con un cross rasoterra sul quale Morata non arriva.Entra Hernandez per Benzema, Rodriguez non trova la porta per un soffio, ma e’ Casillas a salvare il Real con una parata super su Marchisio che avrebbe chiuso il discorso. Non c’e’ un attimo di tregua: Bale di testa manca il bersaglio, Evra rischia grossissimo con una spinta in area su Hernandez ma Eriksson lo grazia.Barzagli per Pirlo (male), la Juve difende a denti stretti per l’ultimo quarto d’ora. Missione compiuta, con Pogba che avrebbe addirittura la grande chance per sbancare il Bernabeu. Poco male.La Juve agguanta una finale tanto inattesa quanto meritata, delusione Real per Ancelotti.

AGI