Champions, Juve pesca il Siviglia. Napoli con il Benfica

CHAMPIONS_LEAGUE

L’urna di Montecarlo sorride a Juventus e Napoli, che evitano le corazzate nei gironi di Champions League e hanno concrete chance di centrare gli ottavi, puntando decisi anche al primo posto. Ai bianconeri di Allegri, teste di serie, evitate Atletico Madrid, Manchester City e Borussia Dortmund, tocchera’, come l’anno scorso, il rinnovato Siviglia di Sampaoli e Vazquez (battuto 2-0 a Torino, ma al ritorno Llorente condanno’ Dybala e compagni al secondo posto nel girone), il Lione vicecampione di Francia (lo spauracchio e’ Lacazette, dopo due giornate capocannoniere della Ligue 1 con 5 reti) e la Dinamo Zagabria a cui Marotta e Paratici hanno appena ‘scippato’ Pjaca, gioiello piu’ splendente, mentre Rog e’ passato al Napoli. La Juve non puo’ lamentarsi, ancor meno puo’ farlo Sarri.

Anche perche’ gli azzurri erano inseriti nella seconda fascia e i giganti Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco e Psg sono stati evitati. Il Benfica di Rui Vitoria e’ una buona squadra, ha vinto il campionato portoghese e lo scorso anno ha centrato la semifinale di Europa League. Ha grande tradizione e la Champions l’ha sempre fatta discretamente, ma il Napoli parte quantomeno alla pari. Dinamo Kiev e Besiktas fanno piu’ ‘paura’ per le possibili difficolta’ logistiche (o politiche) da dover affrontare in trasferta, ma sia ucraini che turchi, a livello tecnico, sono alla portata per Hamsik e compagni. Alla matricola Leicester di Claudio Ranieri e’ andata di lusso (Porto, Bruges e Copenaghen sono le squadre nel cammino dei campioni d’Inghilterra), lo stesso non puo’ dire Carlo Ancelotti. Il suo Bayern Monaco, infatti, ha pescato l’Atletico Madrid arrivato nuovamente a un passo dal trono d’Europa. Nel gruppo D anche i campioni d’Olanda del Psv Eindhoven, mentre il Rostov – che ha eliminato ai playoff l’Ajax – sembra rappresentare il classico vaso di coccio. Affascinante il girone C, con il ritorno di Pep Guardiola nella ‘sua’ Barcellona.

Il Manchester City del tecnico catalano se la dovra’ vedere con i campioni di Spagna, saranno loro due a giocarsi il primo posto (con preferenza d’obbligo per Luis Enrique e il suo tridente Messi-Suarez-Neymar) perche’ il Borussia Monchengladbach avra’ come obiettivo la terza piazza, quella che garantisce l’Europa League. Interessante anche il gruppo A con il nuovo Paris Saint Germain di Emery e il ‘solito’ Arsenal di Wenger. Potrebbe sorprendere il Basilea, mentre ai bulgari del Ludogorets servirebbe un miracolo. Il meno affascinante, ma forse anche il piu’ equilibrato, e’ il quartetto composto da Cska Mosca, Bayer Leverkusen, Tottenham e Monaco.

AGI