Cassano eroe di Milan-Parma

Antonio Cassano

”Non ho mai giocato un Mondiale, ci spero. E ci spero tanto”. Antonio Cassano esce dal Meazza da trionfatore, due gol nel 4-2 al Milan, e lancia un messaggio a Prandelli. ”Non so quante possibilità abbia, in percentuale, di andare in Brasile – ha detto a Sky – Ma farò di tutto per mettere in difficoltà il ct. E se andrò sarò felice”. ”Io farò di tutto per mettere in grande difficoltà Prandelli per il Mondiale, ma non dipende da me, decide lui. Più di così, non so cosa posso fare: forse solo andare sulla luna…”. Lo ha detto Antonio Cassano, dopo la doppietta al Milan. ”Di sassolini nelle scarpe ne ho tanti – ha aggiunto a Sky l’attaccante del Parma, riferendosi alla rivale di oggi – ma non è il momento. Ora sono leggero, non sono più cicciobello. Sono cambiato anche in questo”. ‘Non mangio più tante focaccine, una sola a settimana”, ha spiegato Cassano, parlando del suo momento di forma fisica. ”Ora voglio solo fare bene col Parma. Non ho mai giocato un Mondiale, non riuscirci sarebbe l’unico rammarico della mia carriera. Io ci spero, spero di avere un minimo di possibilità. Prandelli devo già ringraziarlo – ha aggiunto – mi ha portato all’Europeo dopo sei mesi di inattività e mi ha fatto giocare tutte le partite”. Alle domande su presunte ‘difficoltà’ caratteriali, Cassano ha glissato. ”Provate a mettere benzina, ma se dico qualcosa di sbagliato ora poi le mie chance me le gioco a tresette. Non posso mettere ora benzina sul fuoco…”. Infine il cambiamento tattico e caratteriale. ”Giocare da punta centrale mi fa bene, si corre il meno possibile – ha spiegato l’attaccante – Se giochi con squadre di livello, devi correre comunque: qui i compagni mi danno tutti una mano. Ma vista l’età che avanza, il ruolo mi va bene”.

ANSA