Casa, piano «sociale»

Tasse sulla casa, ICI, IMU - immagini simboliche

ROMA Interventi per 1,74 miliardi di euro con tre obiettivi: affitti concordati, più offerta di alloggi popolari ed edilizia sociale. Sono questi i contenuti del Piano casa elaborato dal ministro dei Trasporti e Infrastrutture Maurizio Lupi approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Un decreto legge che tra le misure più importanti incrementa le risorse a sostegno dell’affitto, taglia la cedolare al 10% e avvia una stretta sulle occupazioni abusive.
Per dare immediato sostegno alle categorie meno abbienti che non riescono più a pagare l’affitto, vengono incrementati con 100 milioni il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione e 226 milioni il Fondo per gli inquilini morosi incolpevoli. La cedolare secca viene tagliata dal 15 al 10%, per il quadriennio 2014-2017. La copertura per la misura – ha detto Lupi – è di 146 milioni. Si prevede anche un Piano di recupero di immobili e alloggi di Edilizia residenziale pubblica (ex Iacp) con 400 milioni per finanziare la ristrutturazione di 12.000 alloggi. Previsti anche 67,9 milioni per recuperare ulteriori 2300 alloggi per categorie sociali disagiate.