Capodanno, tra festa e paura di attacchi Minacce di attentati nelle grandi città Usa

President Barack Obama pauses as he speaks to reporters about the fiscal cliff in the Brady Press Briefing Room at the White House in Washington, Friday, Dec. 21, 2012. (AP Photo/Charles Dharapak)

I vertici dell’Fbi avrebbero informato il presidente americano, Barack Obama, di minacce su “possibili attacchi terroristici” negli Usa. Nel mirino, in questi giorni, sarebbero finite le tre principali città statunitensi: New York, Los Angeles e Washington. Lo riferiscono fonti dell’amministrazione alla Cnn, precisando che le minacce provenienti dall’estero al momento “non sono confermate” e che “si basano su una singola fonte”.

L’allerta terrorismo non coinvolge solo gli Stati Uniti ma anche molte metropoli in Europa che preparano al capodanno tra la voglia di fare festa e il timore di nuovi devastanti attacchi.

Parigi festeggia “blindata” – Nonostante lo stato di emergenza ci saranno i tradizionali festeggiamenti sugli Champs Elysees, prima grande manifestazione autorizzata dopo gli attentati del 13 novembre. La sorveglianza, però, sarà massima: oltre agli abituali divieti di portare bottiglie o bicchieri di vetro e di usare petardi o fuochi d’artificio, nell’area sarà aumentato il numero di agenti in pattuglia. Le tradizionali proiezioni di luci e immagini sull’Arco di Trionfo saranno inoltre più brevi del solito per “evitare un eccessivo raggruppamento di persone per troppo tempo nello stesso luogo”.

A Londra schierati 3mila agenti in più – I due maggiori eventi in programma sono i fuochi d’artificio a capodanno lungo il Tamigi, che illuminano il London Eye e Westminster, e la consueta parata del primo dell’anno, nel centro della capitale, che passerà per Piccadilly Circus e Trafalgar Square. Scotland Yard si prepara a dispiegare 3mila agenti per proteggere cittadini e turisti. Nelle ultime settimane inoltre è stata raddoppiata la presenza di poliziotti armati nelle vie della capitale.

Bruxelles rinuncia a festeggiare – Il sindaco di Bruxelles ha deciso di annullare lo spettacolo di fuochi d’artificio e le feste in piazza previste per la notte di capodanno a causa della minaccia di un attentato terrorista. Il premier belga Charles Michel ha definito questa decisione “giusta, sulla base delle informazioni ricevute”. L’anno scorso, le feste di piazza a Bruxelles fecero registrare la partecipazione di circa 100mila persone.

A Mosca la piazza Rossa chiusa al pubblico – A Capodanno saranno presenti nelle strade 15mila poliziotti. La misura più clamorosa è la chiusura della piazza Rossa al pubblico: è la prima volta che accade in questa occasione. L’accesso alla piazza verrà garantito solo ai possessori di un pass speciale e dopo un attento controllo individuale.

A Roma massima allerta per il “Concertone” – L’appuntamento principale è il Concertone di capodanno al Circo Massimo, che vedrà sul palco, di fronte a migliaia di persone, star come i Negramaro ed Edoardo Bennato. Saranno predisposti servizi specifici di controllo agli ingressi da parte delle forze di polizia, anche con metal detector. Per tutti gli eventi previsti nella notte saranno in campo circa 800 unità a disposizione della Questura e 750 vigili.

A Berlino presidiate strade e piazze – Evento centrale è la festa con concerti e spettacoli alla Porta di Brandeburgo, dove sono attesi 1 milione di visitatori. Rafforzati i controlli lungo i due chilometri della Strasse 17 Juni, che collega la Colonna della Vittoria alla Porta di Brandeburgo, dove si svolge la festa. Oltre che ai varchi di ingresso, poliziotti e addetti alla sicurezza controlleranno anche il perimetro della strada, sbarrato da transenne.

A Vienna in arrivo rinforzi per garantire la sicurezza – Dopo l’allarme rosso sulla sicurezza e’ stato deciso che Vienna avrà comunque la sua festa di fine anno, in particolare il “Silvesterpfad”, la serie di eventi musicali e culturali che punteggiano i due chilometri del percorso nel centro storico. A garantire l’ordine pubblico un rinforzo di 250 poliziotti provenienti dalle regioni limitrofe a Vienna.

Times Square blindata per Capodanno – Saranno almeno 6mila i poliziotti dispiegati a Times Square per i festeggiamenti di fine anno. La polizia di New York e l’Fbi hanno rivelato i dettagli del piano per proteggere New York dagli attacchi terroristici. Diversi checkpoint sono stati creati a protezione dell’oltre 1 milione di persone che affollerà la piazza newyorkese per Capodanno. “Sarà la città più sicura al mondo”, ha detto James Waters, a capo delle operazioni antiterrorismo.

TGCOM