Cameron: “Isis pianifica attacchi in Gb”. Wimbledon blindato. “Arrivato maxi carico di mitra”

cameron

Londra, 29 giugno 2015 – L’Fbi britannica (la National Crime Agency) ha messo in stato di massima allerta l’anti-terrorismo perché teme un possibile attentato in Gran Bretagna. Ad innescare l’allarme la notizia dell’arrivo nel Paese di un carico di temibili mitragliette di fabbricazione ‘cescoslovacca’ Skorpion (la famigerata arma con cui le Brigate Rosse uccisero, tra gli altri, Aldo Moro) in grado di sparare fino a 1.000 colpi al minuti. Queste armi, piccole quanto letali, sono state vendute a bande criminali locali che, secondo l’anti-terrorismo, sono in contatto e si scambiano informazioni e armi con cellule jihadiste.

E’ quanto rivela il Times, che riferisco come Scotland Yard abbia rafforzato le misure di sicurezza in tutti i punti sensibili, a partire dal torneo di tennis di Wimbledon, che inizia oggi. Particolare attenaione anche alla ricorrenza del 10 anniversario dell’attentato del 7 luglio 2005, in cui 4 terroristi uccisero 55 persone e ne ferirono oltre 700, in un’azione coordinata a Londra. In totale sono 600 gli agenti schierati in aggiunta a quelli di solito impegnati in attività anti-terrorismo. Altri 380, ha spiegato il capo dell’unità, Mark Rowley, stanno interrogando i turisti di ritorno dalla Tunisia per acquisire informazioni sul massacro di Sousse, il peggior attacco contro cittadini britannici proprio dal 7 luglio 2005.

CAMERON: ISIS PIANIFICA ATTACCHI IN GB  – I militanti dello Stato islamico (Isis o Isil) con base in Siria e Iraq stanno pianificando attacchi specifici contro il Regno Unito. Lo ha detto il premier britannico David Cameron in un’intervista a Bbc radio. “Ci sono persone in Iraq e Siria che stanno complottando per compiere atti terribili nel Regno Unito e altrove e, finché l’Isil esiste in quei due Paesi, siamo sotto minaccia”, ha detto Cameron.

ALLA BBC: NON USATE PIU’ IL TERMINE STATO ISLAMICO – Il premier britannico ha lanciato anche un appello alla Bbc chiedendo di non usare più il termine ‘Stato islamico’ per indicare l’Isis, un “atroce e barbaro regime che è il travisamento della religione islamica”. Cameron ha aggiunto che questo “velenoso culto della morte” sta “seducendo troppe giovani menti in Europa, America, nel Medio Oriente e altrove e che questa sarà la lotta della nostra generazione”.

Cameron ha quindi confermato oggi la “determinazione” del suo Paese nella lotta contro il jihadismo, dopo l’attentato a un resort di sousse in Tunisia in cui hanno perso la vita almeno 30 cittadini del Regno unito. “Dobbiamo essere più forti nella difesa dei nostri valori di pace, democrazia, tolleranza, libertà. Dobbiamo mostrare intolleranza nei confronti dell’intolleranza, respingendo tutti coloro che aprovano l’estremismo islamico e creano le condizioni per farlo prosperare”, ha scritto Cameron in un editoriale sul Telegraph.

Quotidiano.net