Cagliari-Roma 2-2: giallorossi sciuponi, Borriello e Sau li riprendono

© Fabio Ferrari / LaPresse
Bolzano, Italia 16/07/2009
sport , calcio
Ritiri preparazione estiva club di Serie A Tim
Amichevole di fine ritiro.
Roma vs Blackburn
Nella foto: Spalletti

© Fabio Ferrari / LaPresse
Bolzano, Italia 16/07/2009
Summer Training Club Serie A Tim
Friendly match, roma vs blackburn
In the photo: Spalletti

Il malato non si è ancora ristabilito. Reduce dalla batosta col Porto, la Roma si fa rimontare due reti dal Cagliari e sciupa un’ottima occasione per restare agganciata alla vetta della classifica. Avanti grazie al terzo rigore in una settimana di Perotti e a un gran gol di Strootman, la formazione capitolina non ha avuto la lucidità e la freddezza per calmierare il risultato e ha finito per farsi riprendere dalle reti di Borriello (a segno per la 5/a volta da ex) e Sau.

E’ UNA ROMA FRAGILE – Cosa non vada nella Roma è evidente: perde ancora un po’ troppo le distanze per i reparti, ha spesso eccessiva fretta nel ripartire. Così si spiega l’errore di Florenzi nel finale che è finito per costare due punti. Un plauso, comunque, va anche al Cagliari che ha avuto la bravura di credere fino in fondo a un risultato che a un certo punto sembrava impossibile da recuperare, soprattutto quando la Roma nella ripresa era passata alla difesa a tre con l’ingresso di Fazio. La squadra di Rastelli ha carattere e idee. Il giovane Barella tra le linee è cresciuto col passare del tempo. L’esperimento va decisamente riprovato.

DE ROSSI NON PIU’ CAPITANO – Per scuotere la Roma, Spalletti ha deciso di togliere la fascia da capitano a De Rossi, consegnandola al rientrante Florenzi, e si è riaffidato al caro tridente leggero a discapito di Dzeko con Perotti falso ‘nuevè ed El Shaarawy di nuovo titolare a sinistra. Inoltre ha bocciato Emerson Palmieri, decidendo di rimpiazzare l’infortunato Juan Jesus con lo spostamento sulla fascia opposta di Bruno Peres. Rastelli ha risposto tornando alla difesa a quattro con Isla e Murru più bassi, Salamon in mezzo al posto dell’indisponibile dell’ultim’ora Ceppitelli e, infine, il giovane Barella piazzato alle spalle delle punte Borriello e Sau.

PEROTTI, 3° CENTRO SU RIGORE IN 7 GIORNI – La Roma ha impiegato appena 5′ per mettersi alle spalle le amarezze della settimana: Florenzi ha pescato in area El Shaarawy, steso in area da Isla. Rigore netto che Perotti, già a bersaglio due volte con l’Udinese, ha freddamente trasformato. La squadra di Spalletti ha insistito e per poco non ha immediatamente raddoppiato con Salah che ha spedito a fil di palo un bel suggerimento in area di Strootman.

BORRIELLO MANDA SUL PALO L’1-1 – Il Cagliari ha reagito con orgoglio e, sfruttando bene le sovrapposizioni sulle fasce, per tre volte è andato vicino al pareggio. Prima con un destro da fuori di Padoin che, deviato da un difensore giallorosso, ha sfiorato la porta a Szczesny battuto poi con un forte sinistro sul primo palo di Borriello, che ha trovato l’attenta opposizione coi piedi del portiere polacco, infine con un colpo di testa in tuffo dello stesso ex attaccante dell’Atalanta che si è stampato clamorosamente sul palo.

BORRIELLO REPLICA A STROOTMAN – Non contento del lavoro di El Shaarawy, Spalletti ha gettato nella mischia Dzeko e il bosniaco l’ha immediatamente ripagato fornendo a Strootman l’assist per il 2-0 con una perfetta sponda aerea. Gara chiusa? Macché. La Roma si è rilassata troppo e al 56′ ha incassato l’1-2, realizzato da Borriello, lesto a riprendere una corta respinta di Szczesny su un diagonale di Sau. Spalletti ha capito di dover ridar fiducia ai suoi e ha inserito Fazio al posto di uno stanchissimo Perotti.

SAU PAREGGIA I CONTI – La Roma si è coperta meglio ma non ha avuto la concretezza necessaria per chiudere i conti in ripartenza con Dzeko (2) e Peres. Il Cagliari, pur faticando, non ha mai mollato e alla fine (88′) è stato premiato: Di Gennaro ha recuperato palla dopo un brutto disimpegno di Florenzi e ha smarcato sulla destra Isla il cui cross è stato sfiorato di testa da Sau di quel tanto che è bastato per infilare Szczesny e mandare il pallone prima sul palo e poi in rete. La Roma ha reagito con rabbia ma Dzeko e poi Florenzi non hanno avuto la lucidità per rimettere le cose a posto, mancando lo specchio. E così la settimana dei rimpianti per i giallorossi s’allunga.

CAGLIARI-ROMA 2-2 (0-1)
Cagliari (4-3-1- 2): Storari 6.5; Isla 5.5, Salamon 6.5, Bruno Alves 6, Murru 6.5; Ionita 6.5, Di Gennaro 6.5, Padoin 6.5 (26′ st Giannetti sv) ; Barella 6.5 (34′ st Deiola sv); Sau 7.5 (45′ st Munari), Borriello 7. (3 Rafael, 13 Colombo, 23 Ceppitelli, 25 Krajnc, 29 Pisacane, 24 Capuano). All. Rastelli.
Roma (4-3-3): Szczesny 5.5; Florenzi 6, Manolas 5.5, Vermaelen 5.5 (34′ st Paredes sv), Bruno Peres 6; Strootman 7, De Rossi 6, Nainggolan 6; Salah 6.5, Perotti 6 (19′ st Fazio 6), El Shaarawy 6.5 (1′ st Dzeko 6.5). (19 Alisson, 17
Seck, 91 Marchizza, 33 Palmieri,, 30 Gerson, 27 Ricci, 7 Iturbe, 97 Sadiq). All. Spalletti.
Arbitro: Mazzoleni di Bergamo 6.5.
Reti: nel pt 6′ Perotti (rigore), nel st 1′ Strootman, 12′ Borriello, 43′ Sau.
Angoli: 4-3.
Recupero: 0 e 3′.
Ammoniti: Isla per proteste, Murru, Salamon, Florenzi per gioco scorretto.
Spettatori: 16.500.

La Repubblica