Braccio di ferro Lazio-Felipe

felipe-anderson

Lo scontro era nell’aria, rischia di compromettere il rapporto tra Felipe Anderson e la Lazio, la «guerra» per le Olimpiadi è ufficialmente scoppiata. Ieri pomeriggio il brasiliano è rientrato nella lista dei 18 convocati dal CT Rogério Micale – la competizione andrà in scena a Rio de Janeiro nel mese di agosto – la società biancoceleste però ha deciso di trattenerlo a Roma per evitare di perderlo nelle prime due giornate di campionato. Un colpo difficile da digerire per il Pipe, una notizia quasi inaspettata: «È difficile per un club liberare un giocatore – aveva spiegato qualche giorno fa – stiamo comunque parlando, ho un buon rapporto con la squadra e con la dirigenza. Senza dubbio, si tratterebbe di un sogno competere ai Giochi olimpici davanti alla nostra gente. Spero di fare bene nella selezione».

Niente da fare, lascerà il posto all’amico Neymar, difficilmente la Lazio cambierà idea (il regolamento Fifa permette questa procedura). Alla Juventus, per esempio, hanno bloccato la partenza di Dybala. Felipe Anderson dunque rientrerà a Formello la prossima settimana, si sottoporrà alle visite mediche di rito, conoscerà Bielsa e partirà regolarmente per il ritiro di Auronzo di Cadore. Capitolo mercato, acquisti di qualità per rinforzare la difesa e renderla più competitiva.

Ieri è spuntato il profilo di Rodrigo Caio, brasiliano classe 1993, è dotato di passaporto italiano. Lotito e Tare lo seguono da qualche anno, El Loco invece lo ha scoperto da poco, il cartellino è di proprietà del San Paolo. Difensore centrale, forte tecnicamente, in carriera s’è mosso anche come regista, recentemente ha risposto alla chiamata della Selecao per la Coppa America Centenario. Spaventa un po’ il prezzo (12 milioni di euro) e la concorrenza: Atletico Madrid, Siviglia, Juventus e Roma. Praticamente sfumato invece Jardel, Marcelo Bielsa ha bloccato l’operazione e nelle ultime ore s’è inserita pure la Juventus. In dirittura d’arrivo c’è Gustavo Gomez del Lanus, la trattativa è ai dettagli, il padre del centrale paraguaiano è in contatto con il direttore sportivo Tare. Affare da 5 milioni di euro, la fumata bianca è attesa a breve. Occhio anche a Baptiste Aloè, martedì pomeriggio in Francia è andata in scena una riunione tra il procuratore e i dirigenti del Marsiglia: il calciatore sogna di raggiungere il tecnico di Rosario alla Lazio, servono però 4 milioni di euro per strapparlo all’Olympique. Nel mirino anche un esterno difensivo, un giocatore capace di muoversi sia a destra che a sinistra, Isla della Juventus potrebbe interessare: Bielsa lo ha lanciato nel Cile, lo riabbraccerebbe volentieri a Roma. Attenzione sempre ad Adriano del Barcellona, non è ancora finita e la trattativa può ripartire in qualsiasi momento. L’ex Siviglia è svincolato, ha esercitato la clausola unilaterale, parte del cartellino però appartiene a un fondo di investimento, se riuscirà a liberarsi anche da questo vincolo, allora potrà firmare per un altro club: la proposta della Lazio è sempre valida (2 milioni netti per 4 anni).

Difficile, se non impossibile, ingaggiare Abdul Rahman Baba, 21enne ghanese del Chelsea. Per la porta Bielsa chiede lo svincolato Mandanda, estremo difensore del Marsiglia: ha bocciato Marchetti.

IL TEMPO