Boschi: chi propone il “no” non rispetta il lavoro del Parlamento

BOSCHI

“Nello scegliere oggi di modificare la Costituzione ci siamo mossi nel solco di quanto previsto da padri e madri costituenti. Noi abbiamo scelto di rispettare in toto l’articolo 138 non cercando strade alternative o gruppi ristretti. E questo ha significato scegliere la strada più dura. Questo credo che sia un elemento di forza anche rispetto a chi propone di votare no e di ricominciare da capo, pensando che in questa legislatura si possa fare una riforma diversa. Questo significa non rispettare il lavoro fatto dai parlamentari”. Lo ha detto la ministra delle Riforme Maria Elena Boschi, intervenendo alla presentazione della rivista Strade. “C’è stato – ha aggiunto – un confronto vero e sono state approvate oltre 120 modifiche rispetto al testo presentato dal governo e democraticamente il Parlamento ha fatto una scelta”.

ASKANEWS