Bonucci vota Antonio

bonucci

Vota Antonio, vota Antonio, vota Antonio. Le elezioni sono appena passate eppure le candidature continuano. Lo juventino Leonardo Bonucci non ha dubbi: vota Cassano. «Antonio può essere un valore aggiunto – afferma il difensore della Juventus – si è meritato il ritorno in Nazionale a suon di prestazioni eccezionali. Dice sempre ciò che pensa, ma sa farsi voler bene da tutti. La battuta sui soldatini? (la polemica sul no alla Juve «che vuole solo soldatini» di un paio di anni fa, ndc) Da parte nostra non c’è mai stato alcun problema, l’abbiamo presa a ridere». Il gruppo azzurro è sereno, a Coverciano si lavora duramente, con determinazione, con propositiva serenità. «Siamo felici per il rinnovo contrattuale di Prandelli – ammette – abbiamo avviato un percorso che via via ha portato la squadra a fare risultati importanti. La stagione è stata molto intensa, ma con un Mondiale da giocare le motivazioni non ci mancano. La duttilità è una delle nostre caratteristiche migliori, è il marchio di fabbrica di Prandelli. La nostra forza sarà la solidità del gruppo, dentro e fuori dal campo».

Un gruppo che dovrà essere definito: entro il 2 giugno Prandelli dovrà scegliere l’elenco dei 23 da portare in Brasile. In difesa rischiano Ranocchia e Pasqual, in mezzo al campo quotazioni in ribasso per Parolo e Aquilani. In attacco Insigne potrebbe restare a casa, Destro sembra il maggior indiziato a fargli compagnia. Anche Darmian sogna di salire sull’aereo per Rio de Janeiro. «Non so se andrò in Brasile – ammette il difensore del Torino – ma fino alla fine darò il massimo per mettere in difficoltà il ct. Confesso che all’inizio della stagione non pensavo a una convocazione ma adesso sono orgoglioso di far parte di questo gruppo». Gruppo che si assottiglierà dopo l’amichevole di sabato a Londra contro la Repubblica d’Irlanda. «Posso giocare su entrambe le fasce – afferma Darmian avanzando timidamente la propria candidatura – all’inizio l’ho fatto per necessità, poi sono riuscito ad adattarmi. Personalmente il borsino delle convocazioni non lo faccio, non ho ancora collezionato un gettone in azzurro, ma potrebbe essere un ulteriore motivo di stimolo. Giocare su palcoscenici del genere sarebbe bellissimo. Io come Cabrini? Me lo auguro, ma dipenderà da Prandelli».

Ieri qualche problema fisico per Balotelli (sovraccarico agli adduttori), Paletta (ematoma al polpaccio) e Barzagli, alle prese con la solita tendinopatia. Oggi è in programma un doppio allenamento.

IL TEMPO