BlackBerry: l’ad Chen, potremmo smettere di produrre smart phone

BlackBerry

BlackBerry, che ha visto la propria quota sul mercato degli smart phone ridotta ai minimi termini dalla concorrenza di Apple e Samsung, potrebbe risolvere il problema uscendo del tutto dal comparto della telefonia mobile per concentrarsi su altri settori, come le reti di comunicazione per le aziende. E’ quanto ha dichiarato in un’intervista all’agenzia Reuters John Chen, ad della compagnia canadese dallo scorso novembre.

“Se non posso fare soldi con i dispositivi portatili, non mi occupero’ di dispositivi portatili”, ha affermato Chen, spiegando che la svolta potrebbe arrivare anche nel breve periodo.

Secondo il manager, BlackBerry riuscirebbe a tornare in utile solo vendendo 10 milioni di smart phone all’anno. Nel quarto trimestre la compagnia aveva venduto meno di due milioni di dispositivi mobili, una cifra umiliante se confrontata con i 52,3 milioni di pezzi smerciati nel 2011, e aveva registrato una perdita netta di 423 milioni di dollari, nonche’ un crollo del 64% del fatturato. “Stiamo costruendo una squadra di ingegneri specializzati in sicurezza per il settore dei servizi”, ha proseguito Chen, “faremo alcune partnership e, probabilmente, opereremo qualche acquisizione nel comparto della sicurezza”. Secondo il numero uno di BlackBerry, la sicurezza nelle comunicazioni e’ diventata un tema piu’ importante per le aziende, in seguito allo scandalo delle intercettazioni dell’Nsa, e, pertanto, settori come la finanza e l’industria dei farmaci potrebbero essere interessate a investirvi.

AGI