Berlusconi: “Rottamare Fi? Folle. Dò 200 milioni a chi dimostra che ho pagato De Gregorio”

Pool / LaPresse19-09-2013 RomaPoliticaInaugurazione della nuova sede di Forza Italia in p.zza S. Lorenzo in LucinaNella foto Silvio Berlusconi durante l'inaugurazionePool/ LaPresse19-09-2013 Rome (Italy)Opening of the new headquarters of the Forza Italia partyIn the photo Silvio Berlusconi

«Questa legge elettorale subirà cambiamenti. Il sistema dei 100 capilista è ingiusto, ci batteremo per il sistema di preferenze assolutamente libero per tutti». Silvio Berlusconi annuncia battaglia sull’Italicum durante “Futuro Comune” la prima conferenza nazionale degli amministratori locali di Forza Italia. Accolto da una standing ovation nel palazzo dei gruppi di Montecitorio, l’ex premier ha riservato le prime parole a Repubblica. «Come vi sentite? Secondo questo giornale siete tutti rottamati», ha detto. «Solo un folle può pensare di rottamare Forza Italia. Io, tra l’altro, ho in me il sentimento forte dell’amicizia e con molti dei parlamentari attuali ho un legame di amicizia ventennale», ha aggiunto, smentendo le indiscrezioni circa la sua intenzione di smantellare FI e creare un nuovo partito.

 

Berlusconi ha parlato a tutto campo, come un fiume in piena. «I Presidenti della Repubblica possono non farti governare e così è stato, abbiamo avuto Capi dello Stato sempre contro di noi. Siamo sempre stati con 11 membri della Corte Costituzionale della sinistra che ci ha abrogato diverse leggi», ha detto ancora.

 

«Dopo la speculazione ordinata dalla Bundesbank contro i nostri titoli di Stato dissero che non eravamo più in grado di pagare pensioni e stipendi. Al G20 di Cannes mi ritrovai nella posizione di Tsipras. Mi dissero “Siamo qui per aiutarti a non avere il default”. Il primo giorno mi offrirono 50 miliardi di euro, il secondo 100 miliardi euro. La contropartita era la colonizzazione dell’Italia. Io cercai di spiegare che i nostri conti erano perfettamente in ordine, come poi fu ampiamente dimostrato, e me ne andai. Solo Obama disse “Silvio is right”, “Silvio ha ragione”. Tornai in italia e mi trovai con otto tra i nostri più fedeli amici, parlamentari, che si erano spostati nel gruppo misto e avevano messo in crisi il nostro governo». Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, intervenendo a ’Futuro Comune’, la conferenza nazionale degli amministratori locali di Forza Italia.

 

Capitolo giudiziario. In merito al processo sulla presunta compravendita di senatori ai tempi del governo Prodi, l’ex Cav ha promesso di regalare «200 milioni di euro a chi riesce a dimostrare che ho dato due milioni a De Gregorio. Sono stato accusato 65 volte da pm sinistra e sono stato sempre assolto. Ora la musica è cambiata nei collegi ci sono solo giudici di sinistra e si vede quello che è successo a Napoli», ha aggiunto.

Fonte: La Stampa