Berlusconi: «Nel Paese grave emergenza democratica. Con Lega e Fdi possiamo tornare maggioranza»

BERLUSCONI

Nella sede di Forza Italia a piazza San Lorenzo in Lucina, nel cuore di Roma, Silvio Berlusconi ha incontrato Nunzia De Girolamo, appena rientrata in Fi dal Nuovo Centrodestra, e 120 amministratori locali campani che l’hanno seguita. «Dirò a queste persone di considerare che il Paese è in un’emergenza democratica grave», ha detto il Cavaliere.

«Fi, Lega e Fdi possono tornare maggioranza»
Berlusconi ha scherzato sul ritorno di De Girolamo: «Di solito per il figlio prodigo si ammazza il vitello grasso, noi al massimo metteremo a cuocere un pollo». Ma la proposta seria la avanza più tardi, parlando alla platea: «Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia insieme superano di un punto percentuale il Pd. Possiamo tornare ad avere i voti del 2008 e quindi ritornare a essere maggioranza in Parlamento, recuperando tutti gli elettori moderati che, delusi da questa politica, si sono fatti da parte non andando a votare».

«Per gli eletti dal popolo serve il vincolo di mandato»
Berlusconi ha ribadito la volontà di non mollare e di andare avanti per riportare Forza Italia al 25%. E ha rivendicato il ruolo di Fi nella formazione della classe politica lanciando una frecciata a chi ha abbandonato la nave: i professionisti della politica – questo il concetto trasmesso – sono tutti scesi dal taxi di Forza Italia. Non a caso si è detto convinto che «per gli eletti dal popolo serve il vincolo di mandato».

Italicum? «Fiducioso sul premio alla coalizione»
Mentre le riforme costituzionali stanno passando al Senato senza il sostegno di Forza Italia, il Cavaliere insiste sull’Italicum: «Sono abbastanza fiducioso che si possa cambiare la legge elettorale nel senso di dare il premio di maggioranza non alla lista ma alla coalizione».

Il Sole 24 Ore