Berlusconi apre ai diritti gay e Forza Italia si spacca

BERLUSCONI

L’apertura di Silvio Berlusconi al dibattito sui diritti civili degli omosessuali spacca Forza Italia. Se da una parte il leader ha definito “battaglia di civilta’” ladiscussione su matrimoni e adozioni gay, dall’altra esponenti di spicco del partito mettono i paletti in nome delel posizioni tradizionali del partito. Un plauso alla sortita di Berlusconi viene da Michela Vittoria Brambilla, responsabile del Dipartimento per il sociale e la solidarieta’ di Forza Italia.

Bologna riconoscera’ i matrimoni gay celebrati all’estero

La deputata forzista ricorda che “La nostra Costituzione, oltre a sancire il principio di eguaglianza, tutela ‘i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalita”.
  Con la sua dichiarazione di ieri, il presidente Berlusconi ha ricordato a tutti che e’ necessario garantire l’effettivita’ di questi precetti, indipendentemente dall’orientamento sessuale dell’individuo”.

Gasparri, anche Berlusconi contrario a matrimoni e adozioni

“Per quanto mi riguarda mi sento ampiamente rassicurato da quanto mi ha detto Berlusconi, affermando di essere assolutamente contrario a matrimoni o ad adozioni gay” dichiara Maurizio Gasparri che aggiunge: “Del resto, una coppia gay con diritto all’adozione rischierebbe di alimentare il turpe commercio degli uteri in affitto, la forma piu’ abietta di materialismo e di sottomissione del corpo delle donne usate a pagamento per fare figli da immolare all’egoismo altrui!. “Per quanto riguarda la discussione sui diritti, siamo ovviamente tutti attenti, anche se spesso – prosegue il vicepresidente del Senato – non si riesce a comprendere esattamente di cosa si parli, essendo ampiamente riconosciuti, nella corretta applicazione del diritto civile, ampi diritti per ciascuno, a prescindere dagli orientamenti sessuali”.
 

Giovanardi, contrari a rivoluzione antropologica

“In dissenso dall’ultimo Berlusconi noi vogliamo difendere quella che Benigni, quando gli fa comodo, definisce la ‘Costituzione piu’ bella del mondo’, dove la famiglia e’ scolpita come ‘societa’ naturale fondata sul matrimonio’ fra un uomo e una donna, con relativo diritto dei figli di avere un padre e una madre” dice da parte sua il senatore Carlo Giovanardi, capogruppo di Ncd in commissione Giustizia. “Da veri liberali – aggiunge – vogliamo eliminare ogni possibile discriminazione per chi vuole instaurare un rapporto di convivenza e solidarieta’, nell’ambito delle ‘formazioni sociali’ indicate dalla Corte Costituzionale, senza sindacare i motivi che spingono uomini e donne dello stesso sesso o di sesso diverso a fare questa scelta”. Contro questo vero e proprio tentativo di ‘rivoluzione antropologica’ – conclude – saremo fermissimi in Parlamento, dove continueremo anche l’ostruzionismo per bloccare disegni di legge liberticidi, come quello Scalfarotto, che vogliono colpire penalmente la semplice liberta’ di pensiero e di parola”.

La Russa, si’ a regolamentazione unioni, ma niente adozioni

Apertura senza reticenze alla regolamentazione dei diritti civili ma niente equiparazione al matrimonio e, soprattutto, veto incondizionato sulle adozioni omosex. Sono queste le condizioni di Fratelli d’Italia pronto da un lato a lanciare una proposta di iniziativa popolare per precisare all’interno della norma che regola le adozioni laddove le prevede soltanto per coniugi che si tratta di persone di “sesso diverso”; parallelamente, su iniziativa di Ignazio La Russa, arriva la proposta di “arrangiare un iter di riforma costituzionale” per il quale e’ partito oggi da Milano un appello “trasversale” a tutti i partiti politici. L’idea di La Russa prevede la modifica dell’articolo 29 della Costituzione con la precisazione che il matrimonio sul quale si dice fondata la societa’ naturale e’ quello “tra persone di sesso diverso” e l’aggiunta di un comma sul riconoscimento e tutela dei “vicendevoli diritti e doveri di coloro che pur senza contratto matrimonio decidano di convivere stabilmente”.
 

Toti, tempi maturi per riflessione a prescindere da Pascale

Forza Italia e’ pronta al dibattito sui diritti civili delle coppie gay. L’europarlamentare e consigliere politico del partito, Giovanni Toti, ha detto di aver colto “positivamente il fatto che se ne parli in modo laico e civile all’interno del centro destra”. “E’ una cosa piu’ che giusta, poi si vedra’ come si articola”, ha risposto il consigliere politico, a margine della presentazione di un’iniziativa del partito milanese. Toti ha parlato dell’apertura di Silvio Berlusconi come di “una riflessione per la quale i tempi sono maturi” e non di “un cambio di rotta dovuto alla Pascale”. “Con tutto il rispetto per la mia amica Francesca – ha spiegato – e’ stato Papa Francesco a dire che non era nessuno lui per giudicare certe situazioni di persona”. Secondo Toti, quindi, “se la Chiesa cattolica spinge a una riflessione su questo, un partito che vuole rappresentare un grande fetta di italiani ha il dovere di farlo”. L’idea e’ quella di impostare il discorso a partire “dall’allargamento dei diritti, ma – ha chiarito – bisogna vedere che non ledano diritti di altri”. E’ in quest’ottica che l’europarlamentare scarta il tema delle adozioni: “non sono personalmente favorevole – ha detto – in Forza Italia non c’e’ stato ancora dibattito. Di base non e’ punto da cui partiremmo: il punto da cui partire e’ l’allargamento dei diritti a tutte le coppie di questo paese senza ledere gli altrui e quindi vanno tutelati i diritti dei figli a crescere in una famiglia tradizionale”.

AGI