Benitez: “La matematica non vale solo per Garcia. E alla Juve dico…”

benitez_rafa

Battuta la Juventus, sotto col Parma. Il Napoli di Benitez cerca di mantenere viva la corsa al secondo posto. Per farlo, con la Roma avanti di 9 punti, non ci sono alternative alla vittoria in una trasferta tutt’altro che semplice. Rafa Benitez alla vigilia del match non si nasconde: “Il secondo posto? Sento gli altri allenatori, anche Rudi Garcia che parla di matematica e lo stesso faccio io. Quello è il nostro obiettivo e lotteremo per quello finché i numeri ce lo consentiranno. Certo Juventus e Roma stanno facendo un campionato eccezionale. La nostra stagione è molto positiva, ma c’è un margine di crescita per migliorare ancora. Dobbiamo ripartire da ciò che abbiamo fatto in campo, le polemiche non mi interessano. Faccio i complimenti alla Juve e alla Roma, ma il nostro problema è che abbiamo la sensazione che avremmo potuto far meglio. Non è facile cambiare allenatore, squadra e idea di gioco. I giocatori di massimo livello devono adattarsi. Dobbiamo analizzare un po’ per capire che la nostra è una stagione molto positiva, ma possiamo fare meglio. L’anno prossimo punteremo a vincere qualcosa e faremo gli investimenti giusti con il budget che avremo a disposizione”.

TENSIONI CON LA JUVE Le polemiche scatenate da Marotta sono smorzate dal tecnico. “Siamo andati a festeggiare con i tifosi come abbiamo fatto tante altre volte. L’abbiamo fatto dopo la vittoria sulla Juventus. Del resto non mi interessa nulla. Io penso al Parma, se andiamo a vincere in Emilia facciamo il record di vittorie fuori casa per il Napoli. Adesso dobbiamo migliorare il nostro ruolino di marcia in casa”.
LO STADIO — Un Benitez sereno (ha scherzato sul suo passato da sportivo “Ho fatto judo in passato, pallacanestro e atletica. Ero cintura nera. Poi a 13 anni ho iniziato col calcio e ho mollato”), fa il punto sull’infermeria: “Zuniga si allena con la squadra, ma ancora non ha l’intensità e il ritmo giusti per giocare al livello che vogliamo noi. La prossima settimana vedremo dopo altri giorni di lavoro”. Sullo stadio: “E’ chiaro che uno stadio di proprietà aiuta una società a fare il salto di qualità. E’ ovvio”.
I CONVOCATI Ed ecco i 21 convocati di Benitez per la trasferta di Parma:Portieri: Reina, Doblas, Colombo; Difensori: Reveillere, Ghoulam, Mesto, Henrique, Albiol, Fernandez, Britos; Centrocampisti: Jorginho, Dzemaili, Behrami, Inler; Attaccanti: Callejon, Insigne, Mertens, Pandev, Hamsik, Zapata, Higuain.
GAZZETTA DELLO SPORT