Allegri: “Vittoria è un premio. E potevamo fare il 3-1…”

ALLEGRI_CHAMPIONS
“Sono molto contento di quanto fatto dai ragazzi. Credo che questa vittoria sia un giusto premio che si sono meritati: arrivare in semifinale non era facile e giocare con il Real così è un merito dei ragazzi, che hanno concesso poco a una squadra di grande tecnica. Potevamo far meglio nello sviluppo di gioco, specie nel primo tempo, ma c’è solamente da ringraziare questi ragazzi e il merito è di tutti loro”. Lo ha detto Massimiliano Allegri commentando il 2-1 per la sua Juventus nella semifinale d’andata di Champions League.
RIMPIANTO— “Dispiace perché avremmo potuto vincere 3-1, l’ultima palla di Llorente poteva essere sfruttata meglio, ma avrei messo la firma per battere il Real stasera e arrivare in vantaggio a Madrid – ha aggiunto -. Ora abbiamo una settimana per prepararci, far bene e arrivare in finale”. Secondo il tecnico bianconero “credo si sia difeso molto bene a 4, dovevo fare una scelta perché lasciar fuori Barzagli non è facile. Andrea è sempre concentrato e riesce a calarsi subito nella partita, ma in quel momento con Bonucci ammonito, sul 2-1, dovevo prendere meno rischi e mettere un difensore in più. Perché Sturaro? Perché Pereyra può cambiare la partita se serve, Sturaro stava bene e mi serviva più gamba in fase difensiva. I ragazzi – ha sottolineato Allegri – comunque sono stati molto bravi a mettersi a quattro quando difendevamo a centrocampo e a coprire Kroos e Ramos”.
MATURITA’ — Di questa vittoria ad Allegri è piaciuta soprattutto “la maturità: siamo cresciuti molto nel corso di questa Champions League: bisogna saper leggere le partite, sapere quando accelerare, quando rallentare, e credo che la squadra sia migliorata molto sotto questo aspetto”.
GAZZETTA DELLO SPORT