Allegri: «Sono deluso, ma la Juve resta in corsa»

ALLEGRI

Avevo immaginato la partita in modo diverso, soprattutto per quanto fatto nel primo tempo, dove ci siamo mossi male e abbiamo concesso troppo. Nel secondo tempo, invece, abbiamo fatto un’altra partita, sbagliando però in fase conclsuiva. Sono amareggiato e dispiaciuto, anche se il passaggio del turno non è compromesso anzi, credo che avremo ottime possibilità di passare“. Questa l’analisi del tecnico della Juve, Massimiliano Allegri, ai microfoni di Mediaset, dopo la partita di Champions League persa ad Atene contro l’Olympiacos.

L’AMAREZZA – “Juve al di sotto delle proprie capacità? -prosegue Allegri- Tecnicamente abbiamo sbagliato molto, non riuscivamo a gestire la partita. Loro hanno pressato molto, e infatti sono calati nella ripresa. Contro queste squadre poi, non bisogna concedere nulla. Purtroppo, come ho detto, nel secondo tempo abbiamo sbagliato delle occasioni gol, e non siamo riusciti a vincere. Dobbiamo e mi devo rimproverare per il primo tempo giocato male”.

PIRLO OK – Allegri si sofferma poi sulle prestazioni di Pirlo e Morata: “Pirlo? Non sono preoccuipato, ha giocato poche partite ed è stato fermo a lungo per infortunio. Ha giocato perché avevo bisogno di uno capace di rallentare la pressione degli avversari e farci ripartire. Non sono preoccupato per la sua condizione, tornerà quello che è sempre stato. Morata? Stasera ha dimostrato di avere grandi qualità, ha fatto cose importanti”.

TUTTOSPORT