Allegri promuove la Juve di Champions: “Concesso pochissimo, ora abbiamo molte più certezze”

ALLEGRI_JUVE

Alla fine Massimiliano Allegri ha il sorriso degli ottimisti, anche oltre il risultato: «Questa partita ci serviva – ha spiegato il tecnico juventino – e in Italia siamo abituati a giocare 70 minuti con la gestione della palla: e non siamo neanche tanto abituati a difendere in modo ordinato, e in questa sfida abbiamo dimostrato di saperlo fare. Ed è un grosso passo in avanti per una squadra che ora sa di poter fare bene in Europa. Pur sapendo che il ritorno sarà duro». 

E’ andata bene anche dietro, dice il tecnico juventino, nonostante lo scivolone di Chiellini: «In fase difensiva abbiamo trovato continuità, soprattutto nel secondo tempo. Dispiace per il gol subìto, ma nel calcio queste sono cose che non si possono prevedere. Sono molto contento di quello che hanno fatto i ragazzi, quando hanno capito che non riuscivamo a prenderli nella loro metà campo, senza affanni, abbiamo controllato». 

Allegri promuove anche l’atteggiamento della sua Juve: «Perché quando giochi con le 15 migliori squadre d’Europa devi avere pazienza, devi cercare di sfruttare le debolezze degli avversari: Buffon non ha fatto una parata». Dopodiché, a Dortmund bisognerà giocarsela: «L’atteggiamento del ritorno dipende anche dagli altri: c’è più di un modo di vincere una partita. Non si può sempre pensare di dominare l’avversario, ma in queste occasioni conta pure non subire, non soffrire». Cosa che la Juve, ieri sera, è riuscita a fare. 

LA STAMPA