Agnelli: “Ma quale Lotito, in Nazionale comanda solo Conte”

Claudio Lotito 1

“In campo con la Nazionale comanda Conte, di questo ho pochi dubbi”. Sotto la brace, il fuoco della polemica non è ancora spenta. E Andrea Agnelli torna sul caso-Lotito, onnipresente intorno e dentro il clan della Nazionale, emerso dall’amichevole di Bari con l’Olanda in poi. Il presidente della Juventus si è concesso una parentesi di calcio, Nazionale, Lotito e Antonio Conte a margine della presentazione dello Juventus DOC MotoGP Club a Misano Adriatico.

IL PRESENZIALISMO — Agnelli comincia da una certezza: “In Nazionale comanda Antonio Conte”. E subito dopo sottolinea: “La parte tecnica della squadra Lotito non la guarda nemmeno con la mano sinistra”. Il presenzialismo di Claudio Lotito in azzurro (addirittura a Bari anche con indosso la tuta della Nazionale) non è però passato inosservato. “La sua presenza con la squadra – continua Agnelli – credo che sia più interessante per i giornalisti come cronaca che non come attività”.

LA SCALATA — Al centro della serata, torna il tema del nuovo corso federale. “Claudio Lotito è un consigliere federale che si è speso molto in fase di campagna elettorale per il presidente Tavecchio – così Andrea Agnelli -, hanno ottenuto la presidenza federale e hanno un progetto di sviluppo del calcio italiano. L’auspicio è che portino avanti quel lavoro lì anche perché il calcio italiano ha un grande bisogno di riforma. Il lavoro che deve svolgere Lotito è difficile”.

CONTE E PIRLO — Quanto a Conte, Agnelli ha sottolineato “mi ha fatto piacere vedere Antonio sulla panchina della Nazionale, è un allenatore di qualità. Quello che c’era da dire sul fatto che ci siamo lasciati a metà luglio è già stato detto e non c’è nulla da aggiungere. Conte ha avuto la possibilità di andare a guidare l’Italia, è stato cercato per questo ruolo e mi fa ancora un grandissimo piacere. L’ho sentito subito dopo la nomina per fargli un grandissimo in bocca al lupo perché lo merita. E un in bocca al lupo lo merita anche Andrea Pirlo che veste la maglia azzurra ed ha avuto la possibilità di alzare una coppa del mondo a Berlino, il sogno di ogni calciatore. A Conte e alla squadra italiana non posso augurare tutta la fortuna possibile a partire dagli europei 2016”.

GAZZETTA DELLO SPORT