Afghanistan, razzo nei pressi dell’Ambasciata italiana a Kabul, 2 feriti. Talebani rivendicano

Afghanistan

Un razzo è caduto nei pressi sull’Ambasciata Italiana a Kabul. Le forze di sicurezza e i Vigili del fuoco sono sul posto. Ci sono due feriti leggeri: due guardie afghane che sono state ricoverate in ospedale, ma le loro condizioni non destano preoccupazione. Testimoni oculari descrivono una grande colonna di fumo che si leva dal luogo dell’impatto. L’azione è stata rivendicata dai talebani. Secondo altre fonti i razzi lanciati sarebbero due. Il razzo è caduto nelle vicinanze dell’Ambasciata, quasi davanti al compound della cooperazione italiana. Lo apprende l’Ansa da fonti diplomatiche italiane sul posto. Nell’area, dove si trova anche la sede della Nato, sarebbe scoppiato un incendio. “Stiamo tutti bene”, rassicura l’ambasciatore italiano a Kabul Luciano Pezzotti.

“Ci sono dei danni che per ragioni di sicurezza potremo valutare solo domattina”, ha ancora detto Pezzotti, confermando che “lo scoppio ha provocato il ferimento in modo non grave di due guardie afghane che sono state ricoverate in ospedale”. “Allo stato delle cose non abbiamo motivi per ritenere che si tratti di un attacco diretto contro di noi”, ha detto all’Ansa l’ambasciatore italiano Pezzotti, parlando dell’ordigno esploso all’esterno del compound della cooperazione italiana sullo stesso viale dove, a circa 200 metri, si trova la sede dell’ambasciata d’italia. Il razzo sarebbe stato lanciato genericamente contro la cosiddetta “zona verde” delle ambasciate a Kabul, ma non avrebbe avuto come obiettivo specifico quella italiana. L’episodio giunge alla vigilia di un incontro che si terrà domani a Kabul fra rappresentanti di Afghanistan, Pakistan, Stati Uniti e Cina, che mira a gettare le basi per possibili colloqui di pace tra il governo afghano e i talebani.

Rai News