A Roma arrivano le spoglie di Padre Pio per il Giubileo, il Santo nella basilica di San Lorenzo

San Lorenzo fuori le Mura a Roma

Le spoglie di San Pio sono arrivate nella basilica di San Lorenzo fuori le Mura a Roma, prima tappa dell’evento giubilare voluto da Papa Francesco. Sono un migliaio i fedeli che hanno atteso l’arrivo del frate da Pietralcina, nonostante il maltempo: numerosi gli anziani e i malati. Nel pomeriggio e in serata sono previste messe e una liturgia penitenziale. In nottata le spoglie di San Pio e quelle dell’altro frate confessore San Leopoldo Mandic, saranno portate nella chiesa di San Salvatore in Lauro. L’auto con le spoglie di San Pio è stato accolto dagli applausi dei fedeli assiepati dietro le transenne nel piazzale antistante il cimitero del Verano. La teca in vetro è stata portata a spalla dai frati cappuccini, alcuni dei quali giunti stamani da San Giovanni Rotondo: il feretro è ora all’interno della basilica di San Lorenzo, dove sono previste celebrazioni liturgiche per tutto il pomeriggio.

Un lungo applauso della folla ha salutato la partenza delle spoglie di Padre Pio da Pietralcina, che hanno lasciato la chiesa superiore a lui dedicata a San Giovanni Rotondo a bordo di un furgone.

All’arrivo a San Lorenzo fuori le Mura è prevista la liturgia dell’accoglienza delle spoglie di san Pio e di quelle di san Leopoldo, presieduta da frate Gianfranco Palmisani, ministro provinciale dei Frati minori Cappuccini della Provincia romana. In serata, alle 18, ci sarà la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Agostino Vallini, vicario generale del Papa per la diocesi di Roma, e a seguire, dalle 20.30, una veglia di preghiera presieduta da frate Mauro Johri, ministro generale dei Frati minori Cappuccini. A Roma le spoglie di san Pio resteranno fino all’11 febbraio, quando ripartiranno per raggiungere Piana Romana, frazione rurale di Pietrelcina, paese natio di san Pio, dove poi verranno esposte le reliquie del santo. Il ritorno delle spoglie a San Giovanni Rotondo è previsto per il 14 febbraio prossimo, passando prima per Benevento e Foggia.

Nove aree di sicurezza,metal detector, bonifiche anche del sottosuolo e uomini delle forze dell’ordine e delle forze armate. Questo il dispositivo varato dalla Questura di Roma per l’arrivo delle spoglie di San Pio da Pietrelcina e di San Leopoldo da Padova. Il piano, maturato in sinergia con la Prefettura, prevede l’impiego, nell’arco delle 24 ore, di uomini della Polizia e dei Carabinieri con il concorso di Guardia di Finanza e Polizia di Roma Capitale. Le misure, precisa la Questura, “saranno uguali a quelle assicurate a Capi di Stato di alto rango”. Verranno create nove aree di sicurezza che garantiranno ai fedeli la condivisione delle reliquie. In azione Unità Cinofile, Squadre Antiterrorismo e squadre di verifica del sottosuolo per bonificare le aree interessate all’evento. In ogni occasione in cui i fedeli renderanno omaggio alle reliquie sono previsti controlli con metal detector. La Questura raccomanda a tutti i fedeli di arrivare per tempo e limitare al massimo bagagli o borse voluminose.

ANSA